Precedente incontro
30. TURNO
 
17.04.2014
 
Servette FC
1 - 1
FC Chiasso
 
Classifiche
1
30
66
2
30
57
3
30
51
4
30
49
5
30
49
6
30
39
7
30
32
8
30
25
9
30
21
10
30
21
 
 
31. TURNO
 
26.04.2014, ORE 17:00
 
FC Chiasso
-
FC Schaffhausen
 


 
 
 
19.04.2014 - BUONA PASQUA!

Giocatori, staff tecnico e società del Chiasso augurano ai propri tifosi una serena Pasqua!

17.04.2014 23:00 - SERVETTE-CHIASSO, I COMMENTI DEL POST-PARTITA

Un punto positivo, ma si poteva ottenere di più. È questo l'umore che prevale in casa Chiasso.
Per il mister Gianluca Zambrotta è un buon punto ma potevamo sfruttare meglio qualche occasione, dovevamo come sempre chiudere la partita, non riusciamo a sfruttare quello che costruiamo. Si dovrebbe essere più cinici, perché le occasioni le creiamo, con buone trame, ma non segniamo, lì si deve migliorare. La formazione? Data l'assenza di Regazzoni, ho spostato Mihajlovic a sinistra con Ciarrocchi come punta centrale, con Becchio e Yerly sulla corsia destra, un centrocampista più offensivo che si inserisse come Davide Riva ed uno davanti alla difesa per essere più coperti a metà campo. Infatti abbiamo fatto gol su un inserimento di Davide. Guadagniamo un punto sul Wohlen, sorprende il pari del Locarno con il Vaduz però dobbiamo guardare solo in casa nostra. Ora rifiatiamo e recuperiamo le energie per ripartire subito, è stata una settimana positiva.
Felice del suo periodo e del gol Davide Riva. La rete è nata su un corner loro su cui Guatelli ha rilanciato, è stato bravo Mihajlovic a vedermi con la coda dell'occhio e dopo un'acrobazia in area ho segnato. Sto giocando di più ed ora ho fatto anche gol, sono contento! Abbiamo saputo ieri ad allenamento chi avrebbe giocato, con un 4-3-3 in alcune fasi della sfida e in altre un 4-1-4-1, siamo tornati in campo dopo tre giorni e servivano forze fresche. Siamo amareggiati perché si poteva vincere, peccato poiché abbiamo creato tante occasioni e non le abbiamo concretizzate, è il difetto di quest'anno, dove non chiudiamo le partite, ci manca cattiveria. Comunque abbiamo conquistato quattro punti in due partite, guadagnando un punticino sul Wohlen, abbiamo il destino nelle nostre mani, con la prossima in casa. Dobbiamo salvarci il prima possibile, pensiamo subito allo Sciaffusa.
Riccardo Bellotti racconta la partita. All'inizio abbiamo fatto bene noi, poi loro hanno trovato il pari e nel secondo tempo l'occasione maggiore è stato un contropiede di Tadic con miracolo di Guatelli. È un pari gusto per quanto visto, un punto da Ginevra ce lo teniamo stretto. È un campo difficile, anche se quando loro scelgono di lasciar fuori gente d'esperienza e far giocare i giovani si può ambire a un risultato positivo. Il nostro gol è nato da una bella combinazione fra Ciarrocchi e Mihajlovic, Riva ha controllato e si è liberato dell'avversario per segnare da dentro l'area, il pareggio invece è conseguenza di una disattenzione con il loro calciatore libero su un batti e ribatti dopo angolo, non doveva essere libero per concludere a botta sicura. Abbiamo avuto solo due giorni di recupero, per fortuna abbiamo una rosa ampia, molti dicono che sono troppi giocatori ma oggi ci hanno permesso di affrontare bene sfide ravvicinate. Yerly e Riccardo Riva col Locarno non erano neppure in panchina, Davide Riva invece era entrato, tutti hanno avuto un approccio positivo. Il mister tiene sempre in considerazione tutti, poi per forza di cose giocano solo in 11, stasera è stata una situazione in cui tutti hanno risposto presente.

17.04.2014 - È 1-1 A GINEVRA

Pochissimo tempo per recuperare dopo una partita entusiasmante come quella col Locarno, che però era costata molto in termini di energie fisiche e mentali. Di nuovo in campo, con la necessità di non tornare a mani vuote dalla trasferta più lunga della stagione, per proseguire la lotta alla salvezza, e allora mister Zambrotta ha rivoltato come un calzino la formazione iniziale. Davanti a Guatelli, difesa a quattro composta da Yerly (al posto di Felitti), Adailton, Djuric e Quaresima, Riccardo Riva davanti alla retroguardia, centrocampo a quattro con Becchio, Facchinetti, Davide Riva e Mihajlovic, con Ciarrocchi unica punta. Titolari dunque i giovani Riva e Becchio, con Mihahjlovic a sostituire sulla sinistra lo squalificato Regazzoni.
Si affrontava un avversario che sta vivendo certamente un momento particolare, una squadra incognita, capace di tutto e del contrario di tutto. Termina con un punto a testa, e rammarico egualmente spartito fra chiassesi e ginevrini: i primi per essere passati in vantaggio quasi subito, per non aver concretizzato altre occasioni ed aver concesso il pari su una disattenzione, i secondi per l’occasionissima che Guatelli ha sventato su Tadic nel finale.
Al primo minuto Roux ha provato a spaventare il Chiasso, ma il primo vero pericolo, e di quelli seri, lo hanno creato gli ospiti. Era il 10’quando Andreas Becchio ha quasi festeggiato il suo ritorno in campo dal primo minuto con una rete, è stato il palo a dirgli di no. Il gol è arrivato, però, al 12’: Guatelli ha rilanciato dopo un corner per il Servette, combinazione fra Ciarrocchi e Mihajlovic, il quale ha servito Davide Riva, il giovane centrocampista ha controllato, si è liberato del diretto avversario ed ha concluso nel sette da dentro l’area. Prima segnatura per lui in questo campionato, e Chiasso avanti, mentre sugli altri campi interessati i risultati apparivano a favore. Anzi, si poteva trovare il raddoppio, bravo Dams a sradicare il pallone dai piedi di Ciarrocchi su suggerimento di Mihajlovic. La reazione ginevrina si è vista a partire dalla mezz’ora, con tentativi al 33’di Roux e al 39’di Bua, con Roux che si è gettato sul secondo palo senza poter intervenire. Quando ormai mancava un nulla alla pausa, da un corner è scaturito un batti e ribatti e Doumbia si è trovato colpevolmente solo per battere a botta sicura Guatelli.
Nella ripresa, subito una conclusione per parte, con Roux e Mihajlovic, ma di fatto le azioni migliori sono state tutte nel primo tempo. All’8’parata di Guatelli su colpo di testa di Routis, al 10’tiro alto di Facchinetti, al 15’uno a lato di Becchio. Poi spazio ai cambi: una punta per un’altra, ovvero Varvelli per Ciarrocchi, nel Chiasso, pochi minuti dopo Hasanovic per Dams nel Servette e Reclari per Facchinetti e Berisha per Becchio per Zambrotta. In mezzo, un’altra chance per parte, rispettivamente Becchio e Bua. Quando mancavano ormai meno di dieci minuti, dentro Tadic, da sempre elemento insidioso, che difatti dopo appena due giri di lancetta ha impegnato Guatelli nell’intervento più difficile del secondo tempo. Il fischio finale di Schnyder è arrivato dopo una punizione di Pache che Guatelli aveva bloccato agevolmente.
Titoli di coda, con il Locarno che pareggia con la capolista Vaduz e il Lugano che fa un piacere alle altre ticinesi battendo il Wohlen. Soddisfatti? Sì e no, si potrebbe dire. A metà. Contenti per il risultato ottenuto, amareggiati per le tante occasioni sprecate. Ma, in ogni caso, a quattro confortevoli punti dalla retrocessione: sarà una Pasqua serena, dopotutto.

Servette-Chiasso 1-1 (1-1)
(12’D.Riva, 43’Doumbia)

Servette: Müller; Pereira, Dams (76’Hasanovic), Routis, Kursner; Pasche, Doumbia; Placca, Cespedes (84’Tadic), Bua; Roux

Chiasso: Guatelli; Yerly, Adailton, Djuric, Quaresima; R.Riva; Becchio (81’Berisha), Facchinetti (76’Reclari), D.Riva, Mihajlovic; Ciarrocchi (72’Varvelli)

Note: arbitro Urs Schnyder, 1737 spettatori, ammoniti 56’Ciarrocchi, 87’Berisha, 92’Reclari

15.04.2014 - IL PROGRAMMA DEGLI ALLENAMENTI, 14-20 APRILE

La trasferta di Ginevra incombe e dunque è poco il tempo per il Chiasso per godersi la stupenda vittoria di ieri sera col Locarno. I ragazzi di Zambrotta tornano infatti in campo già oggi alle ore 10.30, domani seduta alle ore 15.15, mentre dopo la sfida al Servette venerdì allenamento alle ore 11.30. Sabato e domenica invece la squadra si potrà godere le festività pasquali con due giorni di riposo.
 
< archivio news >
 
 
03.04.2014 - MIRKO FACCHINETTI, IL DESTINO È NELLE NOSTRE MANI!

 
video
 
video
 
 
 
 
SFL
 
 
 
 
Development by BDS - Web design by Fusion